Zaino da trekking 2021 a confronto: quale scegliere

Lo zaino da trekking è un elemento importante per le escursioni in montagna, scegliere la giusta tipologia e modello sarà quindi fondamentale quando si decide di intraprendere questa esperienza.

Per scegliere lo zaino più adatto alle proprie esigenze bisogna domandarsi come lo si vorrà utilizzare e capire che tipologia di escursione si vorrà intraprendere con il proprio zaino ne dipenderà la scelta.

Al giorno d’oggi ci sono molte tipologie di zaini che vanno dai più semplici a quelli più professionali. In questa guida ti aiuteremo quindi a scegliere il migliore zaino da trekking a seconda delle tue esigenze.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 HOMIEE Zaino da Trekking 45 Litri, Resistente all'Acqua, Zaino da Escursione per Trekking Alpinismo, Multifunzione Zaino da Campeggio per Sport Viaggio,Donna e Uomo,Nero
HOMIEE

38,99

* Dettaglio >>
2
Offerta
Salomon Trailblazer 30 Zaino Da Trekking Escursionismo 30L
SALOMON
- 5%
sconto 3,34 €
70,00
66,66

* Dettaglio >>
3 SKYSPER 50L Zaino da Treking, Zaino Impermeabile con Copertura della Pioggia per Viaggio Trekking Escursione Rosso
SKYSPER

42,89

* Dettaglio >>
4 SKYSPER Zaino da Hiking 30L, Zaino da Trekking Impermeabile e Leggero Zaino Sportivo Zaino da Escursioni per Arrampicata Viaggio Campeggio
SKYSPER

31,89

* Dettaglio >>
5 Besttravel Zaino PC Portatili,Zaino con tasca antifurto Impermeabile Zaino per Laptop con Porta USB,Zaino per Computer Affari da 15.6 Pollici Notebook,Zaino Lavoro Uomo per Casual Scuola,Nero
Besttravel

23,99

* Dettaglio >>

I migliori zaini da trekking

Le caratteristiche di uno zaino da trekking da tenere in considerazione dipendono fondamentalmente dal tipo di utilizzo che se ne vuole fare. In generale è necessario considerare i litri (o capienza), la forma, la fascia in vita, lo schienale e le tasche esterne.

La capacità dello zaino da trekking viene misurata in litri: si va da un minimo di 10-20 litri, zaino ideale per una passeggiata senza impegno, a zaini di 35 litri per escursioni giornaliere, ma con una maggiore necessità di trasportare oggetti e cibo, fino a raggiungere zaini con una maggiore capienza per pernottamenti in rifugi o bivacchi (dai 35 a 60 litri). Esistono anche zaini XXL da oltre 60 litri, indicati se si deve trasportare anche la tenda, il materassino da campeggio, il sacco a pelo e il fornelletto da campeggio.

Per quanto riguarda la forma gli zaini da trekking hanno una forma solitamente squadrata o più rettangolare ed allungata. Se si deve intraprendere un’escursione che comporta scalate o passaggi stretti è consigliato uno zaino con una forma allungata e rettangolare, in modo tale che non crei impedimenti nei passaggi stretti.

La presenza della fascia in vita è fondamentale per gli zaini dai 30 litri in su, in quanto, nel momento in cui viene regolata correttamente, consente di scaricare il peso dello zaino sulle gambe anziché sulle spalle. È necessaria la presenza di una fascia ben regolabile ed imbottita, in questo modo si riesce a ridurre la fatica di spalle e schiena.

Lo schienale di un buon zaino da trekking non deve essere imbottito, ma deve permettere all’aria di passare tra sé e la schiena. Gli zaini di migliore qualità permettono anche di regolare lo schienale, adattandosi così all’altezza delle persone.

La presenza di tasche esterne è un elemento importante nello zaino da trekking. È possibile riporvi tutto ciò che serve ed averlo a portata di mano, facilitandone il prelievo e riducendo il tempo: questo permette di facilitare la camminata stessa.

La durata e la tipologia di escursione sono tra gli elementi fondamentali da tenere in considerazione nella scelta dello zaino da trekking. Nel caso di escursioni giornaliere e nel periodo estivo il consiglio è quello di scegliere uno zaino da trekking leggero, quindi con pochi accessori quali tasche esterne e lacci, che possano permettere di trasportare lo stretto necessario per una gita di poche ore. Il consiglio è di optare per zaini fra i 20 e i 30 litri.

Se si vuole intraprendere un’escursione di più giorni con pernottamento in rifugio la quantità di materiale da trasportare diventa consistente, ed il consiglio è di scegliere zaini dai 30 ai 50 litri. In questi casi tra le prime cose da verificare è lo schienale dello zaino. Lo zaino da trekking dovrà essere ben imbottito, morbido ma con uno schienale rigido, così da evitare che lo zaino si deformi.

Questa tipologia di zaini sono solitamente dotati di elementi fondamentali come le cinghie di regolazione che permettono di adattare lo zaino alle proprie caratteristiche fisiche. Importante è anche la presenza di tasche interne ed esterne che consentono quindi di riporre oggetti che possono poi essere rapidamente ripresi.

Nel caso di escursione di più giorni in bivacco il materiale da trasportare è ovviamente maggiore rispetto al pernottamento in rifugio: oltre a vestiario, fornello e cibo sarà necessario trasportare un sacco pelo, la tenda ed eventualmente un materasso da campeggio. In questo caso lo zaino deve essere al di sopra dei 50 litri di capienza. È necessario che questa tipologia di zaino da trekking abbia schienale, spallacci e fasce regolabili, morbidi ed ergonomici. Inoltre ci deve essere il laccio all’altezza del petto e tutte le cinghie devono essere regolabili.

Se si vuole intraprendere un’escursione invernale il consiglio è quello di considerare una tipologia di zaino da trekking che abbia dei lacci esterni pensati per il fissaggio rapido delle ciaspole e che abbia un comparto destinato all’alloggiamento di pala e sonda, oggetti indispensabili per coloro che praticano sci alpinismo, ma anche per chi fa trekking sulla neve.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 Lukasa Zaino da Trekking 50L, Uomo Donna 45L + 5L Zaino Impermeabile Zaino da Trekking da Viaggio da Escursionismo Esterno con parapioggia Escursionismo, Alpinismo e Sport di Viaggio Arancione
Lukasa

42,27

* Dettaglio >>
2
Offerta
Osprey Fairview 55, Zaino Donna, Misty Grey, WS/WM
Osprey
- 61%
sconto 103,03 €
170,00
66,97

* Dettaglio >>
3 HOMIEE Zaino da Trekking 50 Litri, Zaini da Escursionismo, Zaino Viaggi di Campeggio, Zaino Montagna, Zaino per Alpinismo Impermeabile, Daypack da Arrampicata
HOMIEE

46,99

* Dettaglio >>

Gli elementi che compongono uno zaino da trekking sono anche le stesse componenti che meglio si devono adattare al proprio corpo e alla propria postura. La forma dello zaino è fondamentale in base alla tipologia di escursione: se ad esempio si sta andando ad arrampicare è necessario uno zaino smilzo, lungo e sottile, così da evitare che sbatta. In altre tipologie di escursione più simili ad una passeggiata la forma dello zaino non è così importante.

Lo schienale dello zaino da trekking deve essere adatto alla propria conformazione e deve lasciare respirare la schiena. Gli spallacci devono essere correttamente calibrati sulle proprie forme e devono essere imbottiti e morbidi. Il fascione che avvolge la vita è importante in quanto, una volta chiuso, permette di scaricare parte del peso dalle spalle al bacino; seppur regolabile, deve essere della giusta misura e fornire il giusto comfort così da appoggiare correttamente sulle anche.

Esistono altri elementi che compongono lo zaino, che sono solitamente presenti nella maggior parte dei modelli che, seppur non fondamentali, possono comunque incidere nella scelta finale del migliore zaino da trekking. Le tasche esterne sono elementi molto utili in quanto permettono di recuperare il materiale che viene maggiormente utilizzato durante l’escursione in modo veloce. Gli agganci esterni, solitamente lacci e laccioli, hanno la funzione di poter essere utilizzati per agganciare esternamente le ciaspole, la tenda e i bastoni. Molti zaini, soprattutto quelli con una capacità uguale e maggiore di 40 litri, hanno in dotazione una fascetta all’altezza del petto; questa ha la funzione di aumentare la stabilità dello zaino, in quanto bloccano in caso di movimento laterali lo spostamento laterale dello zaino.

Esistono anche degli altri accessori, non sempre in dotazione, che possono rendere lo zaino più appetibile all’acquisto. Alcuni zaini da trekking hanno il copri-zaino incorporato: all’interno di una tasca è presente un telo impermeabile della giusta misura, che viene utilizzato per avvolgere lo zaino in caso di pioggia o neve. Alcuni zaini da trekking offrono al loro interno il camel bag, si tratta di una sorta di sacca con una lunga cannuccia all’estremità che, una volta riempito, funge da borraccia.

È importante tenere a mente che nella scelta dello zaino da trekking non bisogna considerare la bellezza estetica, i colori o la moda del momento; è invece molto importante simulare l’escursione.

Questo significa che, al momento della scelta, è necessario provare lo zaino direttamente sulle spalle con del materiale da escursionismo al suo interno.

Solo provando lo zaino sulle proprie spalle con del materiale che verosimilmente verrà portato nell’escursione si potrà capire se il modello provato è adatto alle proprie caratteristiche: postura, forma fisica, bilanciamento del peso, conformazione delle spalle, sono tutti elementi da tenere in considerazione durante la prova.

Domande Frequenti sugli zaini da trekking

✅ Quanto dovrebbe essere pesante uno zaino da trekking?

Uno zaino da trekking per un’escursione giornaliera non dovrebbe pesare più del 10% del proprio peso; se invece si utilizza uno zaino da trekking per un’escursione di più giorni si può raggiungere, meglio senza superare, il 20% del proprio peso. Non è sempre possibile rispettare il peso consigliato. Il suggerimento è quello di fare delle prove con lo zaino già caricato prima di intraprendere l’escursione; in questo modo si può mantenere un peso corretto dello zaino ed evitare di rendere l’escursione molto complicata a causa di un peso eccessivo... [continua >> ]

✅ Come si prepara uno zaino da trekking per un’escursione?

La preparazione dello zaino da trekking è un elemento soggettivo; il consiglio è quello di riempire con cura ogni angolo e fessura dello zaino, così da distribuire in modo corretto e il più possibile uniforme il peso. Gli attrezzi più ingombranti devono essere posizionati in fondo allo zaino o in posizione superiore, ma mai centrale. Nella parte inferiore dello zaino è consigliato posizionare gli attrezzi pesanti che non serviranno durante la camminata, ma solo al momento in cui si giunge a destinazione; mentre nella zona superiore è meglio posizionare quegli attrezzi ingombranti che serviranno durante la passeggiata. Nelle tasche è suggerito inserire gli oggetti poco ingombranti che devono rimanere a portata di mano, così che possano essere prelevati con facilità durante il cammino... [continua >> ]

✅ Come si attaccano i bastoncini da trekking allo zaino?

Se invece si utilizzano bastoncini non pieghevoli si dovranno attaccare allo zaino utilizzando gli appositi anelli, che solitamente sono posizionati lateralmente. Il consiglio è quello di cercare di stringere il più possibile le cinghie, così da evitare la caduta dei bastoncini durante la camminata... [continua >> ]



Hai dei dubbi su Zaino da trekking? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore