Guida alle migliori attrezzature per il Nordic Walking

Ti sarà sicuramente capitato di vedere sempre più di frequente persone camminare – anche in città o in parchi cittadini – con i bastoncini e, magari, tra te e te ti sarai stupito.
Se ti è sembrata una cosa strana, ti dobbiamo rassicurare. Non sono impazziti ma sono tutti pazzi per il Nordic Walking.
Scusate il gioco di parole ma effettivamente è così. Effettivamente il Nordic Walking, detto anche camminata nordica, ha preso molto piede in Italia a partire dal 2003 tanto che, ad oggi, numerose sono le scuole e associazioni ufficiali che insegnano questa disciplina.

Per questo abbiamo pensato di scrivere una breve guida per presentarti il mondo del Nordic Walking e aiutarti nell’acquisto di tutto ciò che ti può essere utile per iniziare a fare Nordic Walking.

Quando parliamo di Nordic Walking parliamo di un’attività sportiva in piena regola, che può essere praticata da chiunque all’aria aperta.

Si tratta di uno sport energico, completo, dai molteplici benefici e, soprattutto, trasversale in quanto adatto a tutte le persone, donne e uomini, di qualsiasi età che vogliono riprendere o mantenere la propria forma fisica.

In italiano il Nordic Walking può essere anche chiamato camminata nordica o camminata con bastoncini.

 

Detto anche camminata con i bastoncini, il Nordic Walking è un recentissimo sport che sta prendendo sempre più piede anche in Italia.
Attenzione, però, di non pensare che si tratti banalmente e semplicemente di camminare mettendo un piede davanti all’altro usando anche dei bastoncini.
Il nordic walking prevede precise tecniche di svolgimento nella camminata e nell’uso dei bastoncini.
Sostanzialmente si tratta di una camminata assolutamente naturale che si effettua con l’aiuto di due bastoncini che hanno la precisa funzione di spinta.
Spesso, però, le cattive abitudini quotidiane ci hanno fatto perdere e dimenticare come si cammina correttamente adottando così posture sbagliate.
Per questo, all’inizio, l’impostazione della camminata naturale corretta può risultare faticosa e paradossalmente innaturale.
Il bastoncino inoltre, contrariamente a quanto si può pensare, non facilita la camminata in termini di fatica perché non ha una funzione di appoggio come avviene nel trekking ma, avendo la c.d. funzione di spinta da applicare ad ogni passo, coinvolge il corpo nella sua interezza costringendo chi sta facendo nordic walking a un lavoro di coordinamento che interessa moltissimi muscoli.

Scoprirete muscoli che non sapevate nemmeno di avere! Provare per credere!

Vengono implicati muscoli di spalle, bicipiti, tricipiti, dorsali, del torace, come anche addominali e spinali. Sono tutti muscoli che in una camminata normale non vengono assolutamente sollecitati e stimolati.

 

La tecnica che sta alla base della camminata con bastoncini non è assolutamente da sottovalutare.
Perché è facile passeggiare con i bastoncini, ma ben diverso è fare correttamente una camminata nordica.
Per questo come prima cosa, se sei interessato a intraprendere questo completo sport, ti consigliamo di rivolgerti a uno dei numerosi istruttori di Nordic Walking presenti in tutta Italia.
Ci sono ormai scuole ufficiali a cui puoi rivolgerti per chiedere informazioni.
Per imparare a fare nordic walking, la prima cosa da fare è quella di impostare correttamente la camminata eventualmente anche senza bastoncini, se in questa fase creano impiccio più che aiuto.

Il walking e tutte le sue declinazioni, tra cui il nordic walking, presume una camminata energica dal ritmo sostenuto.

Vediamo quali sono le principali caratteristiche di una camminata eseguita correttamente senza l’uso di bastoncini:

  • Le braccia oscillano avanti e indietro e si alternano alle gambe opposte, con un movimento alternato. Quando è avanti la gamba destra oscillerà in avanti il braccio sinistro e viceversa.
  • La falcata deve risultare ampia procurando come conseguenza, in modo del tutto naturale, la rotazione del bacino che andrà, pertanto, nella direzione opposta al piede in appoggio. Ad esempio, se il piede destro è in appoggio, il busto ruoterà verso sinistra.
  • La postura è eretta e fiera: testa alta, mento in fuori, gabbia toracica aperta e colonna vertebrale dritta per agevolare a respirazione.
  • I piedi vanno tenuti paralleli e, in fase di appoggio devono eseguire la d. rullata del piede. Il piede, quindi, toccando il suolo deve appoggiare prima il tallone poi l’arco plantare e infine, a conclusione del corretto movimento, le dita.

Il nordic walking è una camminata accompagnata dell’uso dei bastoncini.
Una volta che hai imparato a camminare secondo le regole del walking, poi sicuramente incominciare a introdurre l’uso dei bastoncini.

I bastoncini, come abbiamo detto altre volte, hanno una funzione di spinta. Questo significa che vanno impugnati e conficcati nel terreno secondo regole precise.

 

In realtà non molto. Essendo, però, il Nordic Walking uno sport che si pratica all’aria aperta non bisogna dimenticarsi alcune cose basilari da portare sempre con sé:

  • Occhiali da sole, soprattutto per chi è più fotosensibile, anche nelle belle giornate d’inverno
  • Cappellino per il sole o cuffia in tessuto tecnico per l’inverno
  • Crema solare o protettiva per il freddo/vento
  • Smartphone con ricarica al 100%
  • Abbigliamento comodo, possibilmente a strati e legato alla stagione.
  • Un piccolo kit di primo soccorso, contenente del disinfettante, cerotti, bende e garze sterili

Nello specifico ti consigliamo di scegliere sempre un abbigliamento tecnico traspirante.
Se sei un tipo tendenzialmente freddoloso, soprattutto nelle mezze stagioni, non dimenticare una felpa leggera che può proteggerti dagli sbalzi di temperatura che possono accadere.
Potrebbe essere utile anche uno smanicato in tessuto antivento e dalla rapida asciugatura, comodo da indossare ma anche da riporre nello zaino perché poco ingombrante.
E se la giornata non è soleggiata, ricordati di portare con te anche un impermeabile per non farti cogliere impreparato davanti a un classico temporale primaverile.
Per l’inverno, il consiglio è quello di vestirsi a strati.
Partendo da un intimo termico e una maglietta a maniche lunghe traspirante, poi indossare un capo tipo pile da tenere finché non avrai cominciato a scaldarti con il movimento.

Molto utili sono giacche tipo softshell che hanno la peculiarità di essere traspiranti e impermeabili.

  • Guanti per la stagione invernale. Molto ovviamente dipende da ognuno. In ogni caso ci sentiamo di non consigliare guanti molto pesanti perché il movimento di apertura e chiusura della mano in fase di allenamento, permetterà fin da subito alle mani di scaldarsi. Per questo, la tipologia di guanti che ci sentiamo di consigliare è quello da sci di fondo che, tra l’altro hanno anche uno spessore ottimo per non perdere sensibilità durante la tenuta del bastoncino.

 

Oltre a queste cose, vorremmo porre la tua attenzione su cinque accessori che potremmo chiamare “gli indispensabili” per fare Nordic Walking:

Ecco che abbiamo fatto per te una ricerca dei migliori prodotti in commercio per fare Nordic Walking e vorremmo guidarti nell’acquisto.

 

 

Serve un’attrezzatura particolare per la pratica del Nordic Walking?

Sì. Come abbiamo visto all’interno di questa guida il Nordic Walking ha un’attrezzatura specifica e necessaria per essere praticato.
Questo equipaggiamento è, ovviamente, differente rispetto a quello utile per fare trekking: diverse sono le scarpe da trekking rispetto a quelle necessarie per fare nordic walking, diversi sono i bastoncini per nordic walking rispetto a quelli per fare trekking, diversi anche gli zaini.
Non si tratta, in ogni caso, di uno sport costoso e, seguendo i nostri consigli, potete acquistare online ottimo equipaggiamento a prezzi davvero convenienti.

Le regole a cui si fa riferimento per la pratica di uno sport devono essere, quindi, riconosciute e riconoscibili in qualsiasi contesto.

Come abbiamo ampiamente visto, la camminata nordica ha codificato ogni singolo movimento che deve essere svolto in modo preciso e secondo le regole per poter dire “Io pratico il Nordic Walking”. Contrariamente si sta solo passeggiando con l’aiuto dei bastoncini.

Il Nordic Walking è stato inventato da Marko Kantaneva che nel 1997 ha pubblicato un libro intitolato “Sauvakävelyche tradotto dal finlandese significa “Camminata con i bastoni”.
Grazie alla pubblicazione di questo libro, il Nordic Walking è stato riconosciuto ufficialmente.
In Italia questo sport è arrivato nel 2003, diffondendosi prima in Trentino-Alto Adige e successivamente su tutto il nostro territorio.
Nel 2007 nasce la Scuola Italiana di Nordic Walking, il punto di riferimento italiano del nordic walking e la maggior associazione per numero di istruttori certificati
Dal 2013 la Scuola Italiana Nordic Walking fa parte della Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera).

 

Il Nordic walking e’ uno sport allenante?

Sì, non c’è dubbio che la camminata nordica – nella sua semplicità di movimento – abbia effetti allenanti.
Ricordiamo che il Nordic Walking ha origine in Finlandia già nel lontano 1930 come allenamento fuori stagione per gli sciatori di fondo.
Ovviamente tutto dipende dall’impegno settimanale e dall’intensità con cui si affronta la camminata.

A questo proposito, tre sono i livelli di allenamento:

  1. Benessere: allenamento leggero settimanale che aiuta a mantenersi in forma
  2. Fitness: 2-3 allenamenti settimanali per migliorare la propria condizione fisica
  3. Sport: 4 o più allenamenti settimanali per portare la propria performance a livelli atletici

L’uso dei bastoncini è ciò che rende la camminata più faticosa e, quindi, maggiormente allentante.
Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, i bastoncini non servono a darci un sostegno per fare meno fatica, ma – se usati correttamente – rendono la camminata più completa dal punto di vista delle parti del corpo e relativi muscoli coinvolti.
Se non si spinge il movimento delle braccia fino in fondo, non si ruota correttamente il bacino e non si mantiene una velocità più elevata di una normale camminata, quello che si sta praticando non è Nordic Walking ma una blanda attività motoria e si andranno a perdere i molti benefici che questo sport porta con sé.

 

Quali sono i vantaggi del Nordic Walking?

Numerosissimi sono i vantaggi che procura la pratica costante del Nordic Walking.

Ciò che lo rende uno sport completo è proprio la tecnica stessa che, se eseguita correttamente, porta a:

  • Elevato coinvolgimento muscolare (90% dei nostri muscoli sono interessati durante l’allenamento)
  • Maggiore ossigenazione dell’organismo grazie al coinvolgimento dei muscoli respiratori
  • Miglioramento della postura
  • Miglioramento della coordinazione
  • Miglioramento della forza
  • Miglioramento della mobilità
  • Miglioramento della resistenza
  • Alleggerisce il carico sulle articolazioni
  • Aumento della frequenza cardiaca (rispetto alla camminata senza bastoncini), generando un buon allenamento cardio-circolatorio
  • Rafforza il sistema immunitario.

Unitamente a questi benefici più strettamente legati all’attività fisica in sé, la Scuola Italiana di Nordic Walking, in più occasioni, parla anche di benefici legati alla salute più in generale.

Nello specifico si legge che, il Nordic Walking è un ottimo alleato perché:

  • Ritarda il processo di invecchiamento
  • Migliora l’umore ed elimina gli ormoni dello stress
  • Aiuta a scaricare le tensioni, non solo quelle muscolari
  • Il movimento stimola il nostro corpo che produce endorfine complici del buon umore
  • Protegge l’organismo da osteoporosi e artrosi: uno sforzo moderato stimola la capacità delle ossa ad assimilare calcio e produce sostanze come elastina e collagene che formano le cartilagini.

Non ci sono scuse, quindi, per scendere dal divano e iniziare a praticare il Nordic Walking!

 

Dove si pratica il Nordic Walking?

Dove vuoi, questo è il bello.
Il Nordic Walking è uno sport che si pratica all’aria aperta e, per questo, anche poco costoso.
Puoi decidere di camminare con i bastoncini tra i boschi, in collina, spiaggia, sul lungomare, sul lungolago, nei parchi, ecc.
Insomma, non ci sono limitazioni.

Due sono i fattori importanti da considerare:

  1. La pendenza del tragitto non deve superare l’8%
  2. Il suolo non deve essere sconnesso e irregolare

Questi sono due accorgimenti da non sottovalutare perché, come abbiamo visto, la rullata del piede è un passaggio fondamentale nel movimento della camminata nordica e per questo, il fondo deve essere quanto più regolare e omogeneo.

 

Serve fare un corso di Nordic Walking?

Certamente la tecnica non è complicata da imparare e le informazioni che si trovano in rete sono moltissime.
La questione principale, però, è che non si imparano correttamente le regole della camminata nordica e non si imposta la postura e i movimenti in modo corretto, lo sforzo diventa vano perché, a quel punto, quello che stai facendo non è Nordic Walking e tutti i benefici di questo sport si vanificano.
Noi, prima di realizzare questa guida abbiamo studiato le “teoria” e pensavamo che metterla in pratica sarebbe stato una “passeggiata”.
Successivamente, ci siamo incontrati con un istruttore ufficiale di Nordic Walking per farci dare due dritte e per metterci alla prova.
Ecco. Va detto che, a nostro parere, qualche lezione è quasi fondamentale.
Se da un lato è vero che si tratta di recuperare la camminata naturale, dall’altro è altrettanto certo che il movimento unito all’uso dei bastoncini non risulta così immediato da praticare.

Esistono corsi individuali ma anche di gruppo. Scegli quello che più si avvicina alle tue esigenze, ma il consiglio è comunque quello di frequentare un ciclo di incontri.

 

A chi mi posso rivolgere per trovare un istruttore di nordic walking?

Il nostro consiglio è di cercare un istruttore che abbia conseguito attestato ufficiale da parte di una scuola o associazione sportiva riconosciuta per la pratica del Nordic Walking.
Ci sono istruttori in tutte le città italiane, non avrai sicuramente difficoltà a trovare la persona giusta anche tramite una ricerca su Google.
In caso, possiamo suggerirti di contattare la Scuola Italiana di Nordic Walking a questo indirizzo https://www.scuolaitaliananordicwalking.it/
Oppure il Centro Nazionale Sportivo Libertas a questo link https://libertasnordicwalking.org/

 

Domande frequenti

✅ Nordic walking: a chi è adatto?

Questo sport può essere praticato da chiunque: sia da chi conduce una vita sedentaria e vuole trovare uno sport stimolante per provare a rimettersi in moto, sia per chi vuole integrare un allenamento a basso impatto con il suo solito programma di preparazione sportiva. È adatto a giovani e meno giovani proprio perché non procura impatto a livello di articolazioni e l’allenamento svolto ha una intensità cardiaco medio-bassa. Con l’aiuto di istruttori di Nordic Walking si può comunque imparare anche tecniche avanzate di camminata nordica che possono essere decisamente molto allenanti... [continua >> ]

✅ Quali sono le differenze tra nordic walking e trekking?

Pur essendo entrambe due attività che si svolgono all’aperto e che hanno alcuni punti in comune come l’uso di bastoncini per camminare, si differenziano sotto due aspetti: tecnica ed attrezzatura. La tecnica della camminata e, di conseguenza, dell’utilizzo dei bastoncini nel nordic walking è di fondamentale importanza. Nel caso del nordic walking, infatti, i bastoncini servono per dare una spinta a tutto il corpo durante la camminata, mentre nel trekking la loro funzione è quella di sostenere e bilanciare il corpo durante la salita o la discesa favorendo l’equilibrio e sgravando le gambe dalla fatica. Come abbiamo visto, poi, ci sono regole ben precise per svolgere correttamente l’attività del Nordic Walking (postura del corpo, movimento delle braccia, torsione del busto, ecc) e per utilizzare esattamente i bastoncini. Questa codifica dei movimenti è il motivo per cui il nordic walking è stato riconosciuto e classificato come uno sport vero e proprio, a differenza del trekking che deve essere semplicemente considerato come un’attività outdoor... [continua >> ]

✅ Il Nordic Walking è uno sport?

Assolutamente sì. Diversamente dalla attività fisica in generale che lo stesso OMS definisce “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”, perché ci sia attività sportiva (o sport) occorre che l’attività stessa sia anche strutturata e codificata secondo regole ben precise. Le regole a cui si fa riferimento per la pratica di uno sport devono essere, quindi, riconosciute e riconoscibili in qualsiasi contesto. Come abbiamo ampiamente visto, la camminata nordica ha codificato ogni singolo movimento che deve essere svolto in modo preciso e secondo le regole per poter dire “Io pratico il Nordic Walking”. Contrariamente si sta solo passeggiando con l’aiuto dei bastoncini. Il Nordic Walking è stato inventato da Marko Kantaneva che nel 1997 ha pubblicato un libro intitolato “Sauvakävely” che tradotto dal finlandese significa “Camminata con i bastoni”. Grazie alla pubblicazione di questo libro, il Nordic Walking è stato riconosciuto ufficialmente. In Italia questo sport è arrivato nel 2003, diffondendosi prima in Trentino-Alto Adige e successivamente su tutto il nostro territorio. Nel 2007 nasce la Scuola Italiana di Nordic Walking, il punto di riferimento italiano del nordic walking e la maggior associazione per numero di istruttori certificati Dal 2013 la Scuola Italiana Nordic Walking fa parte della Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera)... [continua >> ]

✅ Il Nordic walking fa dimagrire?

Ogni attività fisica fa bruciare calorie. E quindi, sì anche il Nordic Walking aiuta a tenersi in forma. Bisogna ovviamente considerare che la camminata nordica è uno sport ad intensità medio-bassa perciò per avere buoni benefici, deve essere praticata mantenendo una velocità elevata. Grazie all’uso dei bastoncini, il consumo energetico nella pratica del Nordic Walking rispetto alla semplice camminata è superiore del 20 – 30%. Ovviamente non dobbiamo commettere l’errore di confrontare questo sport con altri che prevedono allenamenti cardio e ad alta intensità... [continua >> ]



Hai dei dubbi su Guida alle migliori attrezzature per il Nordic Walking? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore