Migliori carte prepagate del 2021 a confronto

Ci siamo accorti che tutte le volte che si parla di carte di pagamento in generale e di carte prepagate nello specifico il panorama è ormai così vario che, nonostante ci siano moltissime informazioni facilmente reperibili, in realtà non tutto è così chiaro. Anzi, spesso si incorre in confusione.

Le prime domande che ci sono venute in mente sono state: Cosa sono le carte prepagate? Carta prepagata e carta ricaricabile sono la stessa cosa? Cosa sono le carte con IBAN? Le carte con IBAN sono carte prepagate?

Nella nostra redazione è iniziato tutto un giorno a pranzo quando se ne stava parlando.

Era una discussione di quelle tra colleghi alla ricerca di un consiglio “più esperto” e ci siamo resi conto che i dubbi e le domande intorno al mondo delle carte prepagate erano molte.

Abbiamo pensato allora di scrivere questa guida sulle carte conto o prepagate con IBAN per fare un po’ di chiarezza.

Se anche tu uno – come noi – che ha sempre sentito parlare di tutti questi strumenti ma non ha mai avuto chiaro fino in fondo le reali caratteristiche di ciascuna offerta, allora ti consigliamo di leggere fino in fondo questo articolo. Abbiamo cercato di dare una risposta a tutte le nostre domande, fornendovi informazioni complete, semplici e soprattutto trasparenti.

Però, prima di approfondire questa particolare categoria di carta di pagamento qual è quella delle carte prepagate ricaricabili con IBAN, per completezza varrebbe la pena fare una veloce panoramica per capire meglio le caratteristiche di tutte le carte di pagamento, cioè di quegli strumenti emessi dalle banche o dagli istituiti finanziari che permettono di pagare con la c.d. moneta elettronica ed effettuare operazioni di prelievo di denaro contante.

La scelta della redazione
La più trasparente
La novità
Carta Hype
Carta Hype
Carta N26
Carta N26
Carta Flowe
Carta Flowe
Carta VIABUY
Carta VIABUY
8.6
8.4
8.4
8.4
App
8.7

8.3

8.3

8.3
Costi accessori
8.3

8.0

8.0

8.0
Garanzie
8.4

8.8

8.8

8.8
Tempi di erogazione
8.9

8.2

8.2

8.2
Affidabilità
8.8

8.5

8.5

8.5

Scopri di più >>

Scopri di più >>

Scopri di più >>

Scopri di più >>
Carta Hype
Carta Hype
8.6
La scelta della redazione
App 8.7
Costi accessori 8.3
Garanzie 8.4
Tempi di erogazione 8.9
Affidabilità 8.8
 
Carta N26
Carta N26
8.4
La più trasparente
App 8.3
Costi accessori 8.0
Garanzie 8.8
Tempi di erogazione 8.2
Affidabilità 8.5
 
Carta Flowe
Carta Flowe
8.4
La novità
App 8.3
Costi accessori 8.0
Garanzie 8.8
Tempi di erogazione 8.2
Affidabilità 8.5
 
Carta VIABUY
Carta VIABUY
8.4
App 8.3
Costi accessori 8.0
Garanzie 8.8
Tempi di erogazione 8.2
Affidabilità 8.5
 

Carte di credito e di debito: scopri le differenze

Come abbiamo visto, tutti questi mezzi hanno la duplice funzione di consentire il pagamento e il prelievo. E, come vedremo a breve, la principale differenza tra le tre carte di pagamento è il momento in cui la spesa o il prelievo vengono addebitati.

Vediamo più nel dettaglio.

Per prima cosa, la carta di credito non viene emessa contestualmente all’apertura di un conto corrente bancario, come avviene per le carte di debito.
Questo significa che bisogna fare esplicita richiesta alla banca stessa presso cui è stato aperto il conto corrente bancario o a un ente terzo che la emette chiedendone l’emissione e l’addebito su conto corrente. Il suo rilascio, infine, potrebbe non essere scontato in quanto legato allo storico creditizio personale senza macchie.
Serve per fare acquisti in negozi fisici e online, noleggiare auto, prenotare alberghi, addebitare bollette ecc. Con la carta di credito si possono anche effettuare prelievi presso gli sportelli ATM, ma attenzione perché spesso l’operazione – considerata come anticipo di denaro contante – è sottoposta a commissioni elevate.

L’espressione che la definisce è Pay later”: con questa carta gli addebiti delle spese non sono contestuali agli acquisti effettuati ma vengono contabilizzati in conto corrente il mese successivo in un’unica soluzione.
Questa è la differenza basilare, rispetto alle carte di debito e alle carte prepagate, perché significa che con la carta di credito si può spendere più di quanto c’è in giacenza sul conto corrente di appoggio al momento dell’acquisto.
Ovviamente i fondi sufficienti a coprire le spese dovranno esserci il giorno in cui ci sarà l’addebito diretto per non trovarsi a pagare interessi salatissimi.

Con la tipologia di carta di credito “chargeo a saldo si assiste a una vera e propria dilazione temporale tra il momento in cui si effettua la spesa e quello in cui i soldi vengono effettivamente scalati dal conto corrente (il mese successivo, appunto).

Con le carte di credito “revolvingo a rate si assiste anche una vera e propria rateizzazione del pagamento.

Tra i vantaggi dell’utilizzo di una carta di credito, soprattutto per gli acquisti online, c’è la possibilità di bloccare il pagamento in caso di problematiche legate all’e-commerce, al prodotto o all’acquisto in generale allertando semplicemente il servizio clienti. Il circuito della stessa carta di credito provvederà al rimborso, al blocco carta e sostituzione.
Per questo motivo possiamo definire gli acquisti effettuati con carta di credito come sicuri in quanto coperti da assicurazione.
I principali circuiti presenti in Italia sono Visa, MasterCard e American Express.

Per finire, non dobbiamo dimenticare che la carta di credito è uno strumento essenziale per chi viaggia all’estero.

Chiamata in Italia anche semplicemente bancomat (sbagliando, perché Bancomat è il nome del circuito a cui si appoggiano) è sempre assegnata e collegata all’apertura di un conto corrente bancario.
Serve per pagare in negozio tramite il POS o, per alcune tipologie di carte di debito più recenti, anche ad effettuare acquisti online e ad effettuare prelievi o depositi presso gli sportelli ATM.
L’espressione che la definisce è Pay now”: con questa carta la spesa è addebitata sul conto corrente bancario nel momento stesso in cui viene effettuato l’acquisto.
Per questo è necessario avere disponibilità di denaro sul conto corrente in misura almeno pari alla spesa da sostenere per gli acquisti perché con le carte di debito si possono spendere solo fondi realmente disponibili. Non c’è alcuna funzione creditizia nelle carte di debito.
Gli acquisti effettuati con questa tipologia di carta non sono coperti da assicurazione.
I prelievi in Italia sono limitati da un tetto giornaliero ma sono molto semplici grazie alla capillare diffusione su tutto il territorio nazionale degli sportelli ATM.
I prelievi all’estero, invece, non sempre gratuiti, sono consentiti solo se il circuito di appoggio della propria carta di debito è internazionale, del tipo Maestro.

Domande Frequenti su Carte Prepagate

✅ Vuoi sapere qual è miglior Carte Prepagate?

Scopri cosa valutare e cosa evitare quando vuoi comprare Carte Prepagate, con la nostra Guida all'acquisto di Carte Prepagate ...

✅ Come scegliere Carte Prepagate: Quali caratteristiche non devono mancare?

Scegliere Carte Prepagate non è mai semplice, ma per evitare errori, meglio sapere quali sono le caratteristiche indispendabili leggendo la Guida alle caratteristiche per Carte Prepagate ...

Hai dei dubbi su Carte Prepagate? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore