I migliori acquari a confronto. Guida alla scelta

Volete acquistare un acquario per posizionarlo nel vostro salone o nel soggiorno, per farlo ammirare da amici e parenti?
Mi sembra più che giusto, se volete dare un tocco di particolarità a un vano della vostra casa.

In questa breve guida cercheremo di darvi quante più informazioni possibili, per donare una nuova luce alla abitazione ma, vi suggeriremo anche dei ottimi consigli per offrire una lunga vita ai vostri pesci. 



Come allestire un acquario

La prima decisione da considerare è la tipologia di struttura dell’acquario e la posizione di esso all’interno della vostra casa. Una volta presa questa decisione si potrà dare spazio alla propria fantasia e creatività nella parte dell’allestimento di esso.
Ecco elencati di seguito alcuni step utili per potervi aiutare nell’
allestimento dell’acquario che diventerà l’habitat dei vostri amici pesci.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 Decorazioni Acquario, PietyPet Colorato Pianta Piante Artificiali Acquario Kit con Coralli, Botte Rotte e Ornamento Paesaggio Grotta Acquario Decoro per Acquario Decor
PietyPet

16,99


2
Offerta
Hobby 41726 Vishnu
Hobby
- 7%
sconto 0,78 €
10,58
9,80


3 Decoración para acuario Nobby, diseño de columnas antiguas con plantas, 11,2 x 10 x 14 cm.
Nobby

16,01


4 Balacoo Simulativo Rockery Mountain Fish Tank Decor Durevole Robusto di Alta qualità per Pesci Dacquario Ornamento Decorazione per Acquari per Acquari
balacoo

29,99


5 Nobby torre con bonsai ornamenti per acquario, 9 x 10 x 15 cm
Nobby

20,73


  1. Una volta scelta la struttura e la posizione del vostro acquario sarà necessario riempire la base della vasca con un fondo fertile che servirà per nutrire e mantenere le piante vive che verranno inserite successivamente. Il primo strato di fondo sarà poi da coprire con ghiaia o sabbia; 
  2. Dopo aver completato il fondale si dovrà iniziare a riempire la vasca di acqua tiepida. Questo è un passaggio che deve essere fatto molto delicatamente e con molta tranquillità. Un consiglio che possiamo darvi è quello di appoggiare qualcosa di pesante sul fondale cosicché i due strati non si mischino. Mi raccomando, la vasca non va riempita tutta ma solo poco più della metà;
  3. Finalmente ora si passerà ad una delle parti più divertenti ovvero la parte più creativa, costituita dalla decorazione attraverso l’inserimento di:
    – 
    piante aquamarine: le radici dovranno penetrare bene all’interno del fondale così da poter sopravvivere e nutrirsi del primo strato. Le piante non fungono solo da elemento decorativo ma sono molto utili anche per la produzione di anidride carbonica e quindi di ossigeno.
    Se non siete amanti del “giardinaggio” tranquilli, eventualmente esistono anche le piante finte o sintetiche fatte in plastica o, preferibilmente, in seta che è anche più sicura per i pesci.
    – rocce decorative: ne esistono di tutti i tipi e di varie forme quindi spazio alla fantasia.
    – altri elementi decorativi possono essere: tronchi, muschi, anfore, teschi e così via. Di oggetti per arredare il fondale ce ne sono davvero tanti e si possono acquistare sia nei negozi per animali che online.
  4. Dopo aver decorato tutto il fondale marino si potrà riempire la vasca completamente d’acqua.  Successivamente si potrà accendere il filtro e l’illuminazione che sono due elementi molto importanti e che spiegheremo più avanti.
  5. Prima di inserire i pesci sarà necessario aspettare un paio di settimane: le piante avranno bisogno di rinforzare le radici cosicché non vengano sradicate dai pesci curiosi del nuovo ambiente e, ultimo ma non meno importante è che con il passare dei giorni anche l’ambiente subacqueo si stabilizzerà.
  6. L’inserimento dei pesci è una fase molto delicata perché anche loro avranno bisogno, in piccoli passi, di ambientarsi e stabilizzarsi all’habitat ed alla temperatura dell’acqua che avrete nel vostro acquario.

Acquari: come scegliere il migliore

L’acquario oltre a ricreare un habitat acquatico, per voi che amate questo hobby sarà un impegno giornaliero. Quindi, prima di tutto valute in primis le varie specie di pesci che volete riporre all’interno della vasca.  In questo modo farete il primo passo per comprendere le misure giuste per il vostro futuro acquario.

La vasca può avere differenti grandezze, da pochi centimetri fino a tanti metri, con una notevole capienza di acqua. La struttura del contenitore dell’acquario è quella di un parallelepipedo ed è quasi sempre creata in cristallo. Un acquario vi permetterà di realizzare un mondo sottomarino con il tipo di ambiente che rispecchierà i vostri gusti. Potrete divertirvi nell’acquistare piante acquatiche, invertebrati, molluschi e pesci che faranno parte di questo universo acquatico. Solitamente chi ha tale passione è chiamato acquariofilo, cioè: colui che ama crescere pesci e piante decorative in un ambiente casalingo. 

Se invece, state entrando per la prima volta in questo universo silenzioso ma allo stesso tempo affascinante. E’ fondamentale comprendere tutte le diversità tra le varie tipologie di pesci, perché non tutte le “razze” possono essere accolte nello stesso acquario, quindi dovrete essere prudenti a seconda della situazione e del tipo di acqua. Ecco finalmente tutte le principali caratteristiche degli acquari, così da poter sbrogliare ogni dubbio.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 1 bulbo di pianta viva per acquario, ninfea rubra rossa, fiore di loto, pianta tropicale per acquario, ottimo nascondiglio per pesci
BiotopeAquatics

12,90


2
Offerta
Pianta vera per acquario, Anubias barteri var. nana
Justplants
- 33%
sconto 5,00 €
14,99
9,99


3 Pianta acquatica vera per acquario, tipo: felce di Giava (Microsorium pteropus)
DK Aquatics

19,99


La struttura di un acquario, affinché questo funzioni correttamente, deve essere composto da più componenti, i principali sono: il serbatoio dell’acqua, il filtro ed eventuali coperchi. Per questi tre elementi è fondamentale approfondire ogni funzione per poter comprare il modello più adeguato alle proprie esigenze in termini di spazio e semplicità di utilizzo. Come già segnalato in premessa, la vasca dell’acqua è un raccoglitore impiegato per comporre l’habitat naturale di pesci, molluschi e piante. A seconda del modello preferito si potranno acquistare gli acquari in cristallo, più venduti e suggeriti ma, se non volete questo tipo potrete decidere anche fra il vetro e il plexiglass.

In commercio esistono varie misure fra cui potrete scegliere la vasca, sempre valutando il vostro spazio disponibile. Oggi potrete dare spazio al vostro desiderio di avere un acquario in casa, comprando il nuovissimo set per acquario nano molto piccolo, che va dai 30 ai 40 cm di lunghezza e circa 30 cm di altezza, è inoltre ottimo per coloro che non hanno molto spazio nel quale riporlo. Tale dimensione richiede l’inserimento medio di 20 litri di acqua.

Da questa gamma più ridotta possiamo arrivare nell’acquistare delle misure molto più consistenti che variano anche su estensione di 1 m per 40 cm di altezza; in questo caso la capacità varia dai 150 ai 200 L di acqua. In ogni caso la lunghezza dell’acquario deve essere sempre maggiore all’altezza. Un altro dettaglio importante è il peso: se si considera l’intero ecosistema e l’acqua, il peso di un grande acquario può raggiungere i 200 kg. Quindi, prima di acquistare, considera attentamente una buona base di supporto.

FILTRO DELL’ACQUARIO

Dopo che il piccolo ecosistema si è riprodotto, è necessario mantenerlo sempre pulito, in modo da non produrre sostanze tossiche, nocive o dannose per i residenti. Per questo è necessario un filtro per l’acquario che solitamente è composto da: lana di vetro o spugna sintetica per la pulizia e filtraggio, carbone attivo per rimuovere inquinanti e sgradevoli odori, i cannolicchi in ceramica che hanno un effetto battericida importante per la depurazione dell’acqua.

Il filtro può essere sia interno che esterno, in ambedue i casi una pompa indurrà l’entrata dell’acqua nel filtro per pulirla.

ACQUARIO CON COPERTURA

Se avrete l’intenzione di ammirare i pesci dall’alto, dovrete acquistare un acquario aperto privo di copertura, con questa tipologia potrete mettere anche delle piante le quali cresceranno sull’acqua. Se al contrario deciderete di evitare che i pesci possano saltare fuori, allora sarà meglio favorire di un coperchio che chiuda la vasca. Alla fine, abbiamo quello con copertura forzata, ovvero un acquario aperto con uno spazio sotto la rena drenata da pompa.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 NICREW 3 in 1 Filtro Acquario Interno Silenzioso e Potente, Filtro Interno Acquario con Flusso Massimo di 150L/H, Adatto per Acquario Fino a 20L
NICREW

16,99


2
Offerta
Tetra EX 600 Plus Set Filtro Esterno per Acquari da 60-120 L
Tetra
- 16%
sconto 15,38 €
99,00
83,62


3 Nobleza - Filtro per Acquario, Filtro per Acquario 3 in 1 per Appendere 280 L/H, Sistema di Filtraggio con Pompa dell'Acqua Integrata, Disegno a Cascata, Risparmio Energetico 5W
Nobleza

16,99


Accessori per acquari

Per l’allestimento e la manutenzione dell’acquario, è necessario acquistare separatamente alcuni accessori molto utili, che sono:

  • Aeratore: è un tubo che ha lo scopo di evitare zone stagnanti e stabilire un giusto equilibrio tra l’ossigeno, l’anidride carbonica e l’azoto rilasciati dall’acquario. Tuttavia, questo accessorio non è sempre necessario, infatti è essenziale utilizzarlo solo in determinate circostanze: nel primo mese per dare il tempo alla crescita di una qualsiasi pianta, e subito dopo il trattamento.
  • Sifone: serve per pulire il fondo della vasca. E’ molto importante servirsi di questo speciale attrezzo, che si può comprare, elettrico o manuale. Con questo attrezzo darete il giusto equilibrio nel piccolo ecosistema del vostro acquario.
  • Arredo: all’interno dell’acquario, per riprodurre l’ecosistema richiesto, è necessario inserire “complementi d’arredo” che possono essere rocce vive, sabbia, rami, ghiaia, conchiglie, alghe, ecc.

Ogni elemento deve essere selezionato in base al tipo di ecosistema da creare, quindi di acqua dolce o acqua di mare.

Quando si allestisce un acquario, l’illuminazione è un altro fattore fondamentale.

Un’adeguata illuminazione favorisce la produzione di ossigeno per fotosintesi, ma non deve essere eccessiva, altrimenti produrrà troppe alghe.

All’interno dell’acquario possono essere inserite diverse tipologie di luci, tra cui LED (di forma più accattivante) e luci fluorescenti. Si consiglia di inserire un po’ ‘di illuminazione alla volta durante le prime settimane, soprattutto per gli acquari marini.

 

 

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 Decorazioni Acquario, PietyPet 25 Pezzi Colorato Pianta Piante Artificiali Acquario Kit con Ornamento Paesaggio Grotta Acquario Decoro per Acquario Decor
PietyPet

16,99


2 bedee 6 in 1 Kit Pulizia Acquario Serbatoio di Pesce, Rastrello per Ghiaia, Raschietto Per Alghe, Spazzola Spugna, Forchetta per Piante Acquatiche, Set di Attrezzi per Rete da Pesca
bedee

17,99


3
Offerta
Sera - Ovatta per filtri, 250 g
Sera
- 11%
sconto 0,45 €
4,25
3,80


Per un appassionato alle prime armi, è bene conoscere la prima diversità tra le varie tipologie di acquari, che molto importante. Ciascuna di queste categorie è destinata alla riproduzione di determinati pesci, molluschi o piante: questa distinzione dovrebbe essere rispettata per proteggere la vita dei piccoli animali. Ad esempio, se si desidera allevare profondità marine tropicali, vi raccomandiamo di non includere pesci d’acqua dolce e viceversa.

ACQUARIO AD ACQUA DOLCE

La salinità dell’acqua in un acquario d’acqua dolce non dovrà essere superare il 0,5%; essa varia però anche in base al tipo di pesce che vorrete allevare.  Possiamo dividerli in tre categorie, ovvero:

  • Acquario di Comunità: è particolarmente indicato per chi entra per la prima volta nel mondo acquariofilo, con questa categoria è possibile allevare più specie native da aree geografiche diverse contemporaneamente.
  • Acquario Biotopo: qui potrete crescere i pesci che provengono dalla stessa area geografica, con il sussidio di abbellimenti come rocce o piante, le quale faranno lo stesso ecosistema.
  • Acquario Monospecifico: se volete allevare una sola razza di pesci dovrete preparare un acquario d’acqua dolce monospecifico, ciò vuol dire che questa struttura sarà adatta specialmente per i tipi di pesci più grandi i quali non amano vivere a vivere in società.

ACQUARIO MARINO

Nell’acquario di acqua salata, sarà possibile copiare gli ambienti ed il fondale marino caratteristico dell’oceano o del mare, questo quadro vivente solo a guardarlo vi rilasserà.  Da ricordare che la salinità dell’acqua dovrà essere compresa tra il 30 e il 40%. Anche in questo caso, vi è una divisione di due categorie, allo scopo di mantenere la vita dei piccoli “inquilini” in modo giusto:

  • Acquario Tropicale: in questa costruzione potrete custodire pesci principalmente dell’Oceano Pacifico, dell’India e del Mar dei Caraibi. Perciò, sono incluse anche le specie appartenenti alle barriere coralline.
  • Acquario Mediterraneo: come suggerisce il nome, questo tipo di acquario sarà caratterizzato da pesci della regione mediterranea. L’habitat della regione mediterranea ha un’elevata biodiversità, ed proprio per tale ragione che i pesci che vi appartengono accetteranno molto di più i cambiamenti di salinità a differenza di quelli tropicali.

ACQUARIO OLANDESE

Questa vasca olandese sarà molto particolare, infatti, nell’acquario olandese il maggior risalto saranno le piante. 

L’acquario olandese non è altro che un acquario tropicale d’acqua dolce dove le piante sono più fondamentali dei pesci.

Gli ornamenti saranno costituiti da rocce, ramificazioni, radici e ovviamente piante.

Nel fondo dell’acquario olandese i pesciolini non saranno numerosi.

 

 

ACQUARIO D’ACQUA SALMASTRA

L’acquario d’acqua salmastra, per terminare vi presentiamo l’ultima tipologia.  Possiamo dire che questa categoria potrebbe essere un’altra buona soluzione per gli esordienti. L’acquario in questione, è una via di mezzo fra i primi due già indicati all’inizio. Questa struttura è ideale per i pesci che sono nativi dalle foci dei fiumi, i quali sono disposti ai cambiamenti di salinità dell’acqua (che dovrà essere tra lo 0,5 e il 30%), più semplici da far crescere e gestire a differenza di quelli per acquari marini.

Migliori Brand Acquario

Scegliere i migliori prodotti per Acquario senza sbagliare è più semplice se si acquistano articoli realizzati dai marchi più affermati, per questo abbiamo realizzato una classifica dei brand che vendono Acquario.

Domande Frequenti sugli acquari

✅ Quanto può costare un acquario?

Il prezzo di un piccolo acquario va dai 30/35 euro ai 70/80 euro, a seconda del modello e dei materiali utilizzati. Il modello più grande con una capacità di 200 litri supererà senza dubbio i 300 euro per soddisfare le esigenze più elevate. Per chi ha mosso il primo passo nel mondo dell'acquario, una scelta più appropriata è partire da una dimensione più moderata e dal prezzo inferiore... [continua >> ]

✅ Il marchio è importante?

I marchi sono sempre importanti. Quando si acquista un acquario, la prima cosa da considerare sono le sue caratteristiche, i materiali, un buon filtro e gli accessori che devono essere inseriti per primi per creare una giusta stabilità nel piccolo ecosistema. Ovviamente, marchi noti forniranno design più attraenti oltre alla qualità e alle prestazioni dei materiali... [continua >> ]

✅ Come lavare il fondale dell’acquario?

Come accennato in precedenza, per lavare il fondo dell'acquario, è necessario acquistare un sifone, che verrà utilizzato in base alla sua tipologia, in modo che possa essere utilizzato elettrico o manuale. In ogni caso, devono essere eseguiti i seguenti passaggi: portare un secchio che possa contenere eventuali residui, rastrellare il fondale con un piccolo rastrello per rimuovere i residui rimasti nello strato del fondo sabbioso e, a questo punto, posizionare la cannula del tubo del sifone a 1 cm dal fondo. Non deve essere troppo vicino, altrimenti rischierete di assorbire anche la sabbia... [continua >> ]



Hai dei dubbi su Acquario? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore