Il miglior caminetto a bioetanolo: guida all’acquisto

Stai pensando al fascino del fuoco nelle sere d’inverno?
A quanto sarebbe bello mettersi sul divano con la copertina e vedere il bagliore del fuoco acceso che riscalda l’ambiente ma anche lo spirito?
Ma sai anche che un camino tradizione non lo puoi certamente installare a casa tua…
Sai perché capisco benissimo quello che provi?
Perché per me è stato uguale: ho un bellissimo appartamento al mare in cui mi piace andare anche d’inverno per rilassarmi e staccare un po’ dalla routine quotidiana.
Ho uno spazio perfetto, di fronte al divano, in cui mi sarebbe piaciuto moltissimo mettere un caminetto ma tutto ciò sarebbe rimasto un sogno se non avessi scoperto il camino a bioetanolo.

La nostra scelta
Bioetanolo
Spugna
Legna decorativa
Accendino
XONE Biocamino “Jacob”
XONE Biocamino “Jacob”
Divina Fire x12 Bioetanolo da 1lt
Divina Fire x12 Bioetanolo da 1lt
Spugna Hekers per Ceramica Camino
Spugna Hekers per Ceramica Camino
Set di legna decorativa in ceramica Prokira
Set di legna decorativa in ceramica Prokira
Accendino da camino Jobon
Accendino da camino Jobon
compare Scopri di più >> compare Scopri di più >> compare Scopri di più >> compare Scopri di più >> compare Scopri di più >>
Xone
8.2
La nostra scelta
Design
Prezzo 8.8
Prestazioni 8.2
Facilità di utilizzo 8.0
439.97 €
SCOPRI IL MIGLIOR PREZZO
 
Divina Fire
8.2
Bioetanolo
Design
Prezzo 8.8
Prestazioni 8.2
Facilità di utilizzo 8.0
54.90 €
SCOPRI IL MIGLIOR PREZZO
 
Hekers
8.2
Spugna
Design
Prezzo 8.8
Prestazioni 8.2
Facilità di utilizzo 8.0
7.37 €
SCOPRI IL MIGLIOR PREZZO
 
Prokira
8.2
Legna decorativa
Design
Prezzo 8.8
Prestazioni 8.2
Facilità di utilizzo 8.0
22.67 €
SCOPRI IL MIGLIOR PREZZO
 
Jobon
8.2
Accendino
Design
Prezzo 8.8
Prestazioni 8.2
Facilità di utilizzo 8.0
18.99 €
SCOPRI IL MIGLIOR PREZZO
 

Il miglior caminetto a bioetanolo: guida all’acquisto

Il biocamino non solo è una soluzione semplice, economica, ed esteticamente meravigliosa per portare un po’ di tepore a casa ma è anche una scelta green.

In questa guida ti chiariremo (o almeno ci proviamo) ogni dubbio sul mondo dei camini a bioetanolo in modo da poterti dare gli strumenti necessari per scegliere il biocamino più adatto alle tue esigenze.
Non solo, ti suggeriremo anche tutti gli accessori che ti saranno utili per assicurarti un buon funzionamento del tuo nuovo camino a bioetanolo.

Perché il camino a bioetanolo è un’ottima alternativa al camino tradizionale?

Non c’è dubbio che non si possa paragonare il caminetto a bioetanolo con quello tradizionale.Lo scoppiettio del fuoco, l’odore della brace e il piacere di vedere la legna ardere sono emozioni che il camino a bioetanolo sicuramente non può darti.Ma è anche vero che non sempre è possibile installare un camino tradizionale.
Ecco che allora il caminetto a bioetanolo risulta essere una alternativa più che valida.
Il principale motivo che dovrebbero spingerti a valutare l’acquisto di un caminetto a bioetanolo è che non serve la canna fumaria.

Questo significa:

  • Nessun lavoro di muratura
  • Nessuna installazione di canna fumaria
  • Nessun costo elevato

Oltre a indubbi vantaggi come:

  • Nessun problema di rifornimento della legna
  • Nessun problema di spazio per accatastare la legna
  • Nessuna preoccupazione di fumi e cenere nocivi
  • Non sporcano l’ambiente
  • Non richiedono manutenzione come ad esempio il controllo del tiraggio della canna fumaria

Un camino tradizionale è sicuramente bello da vedere ma richiede un investimento di denaro sia iniziale che durante l’anno, importanti lavori per l’installazione e molta manutenzione durante l’inverno.
Il camino a bioetanolo, invece, è comodo perché non richiede alcun tipo di installazione né l’intervento di tecnici specializzati ed è una soluzione economica, senza rinunciare all’estetica di un raffinato complemento d’arredo.
Insomma, grazie ai camini a combustione biologica, anche chi vive in appartamento può finalmente godere della compagnia del fuoco nelle fredde giornate invernali…e non solo!

Anch’io alla fine ho acquistato un caminetto a bioetanolo e pensavo fosse un acquisto legato principalmente ai weekend invernali e invece l’ho usato moltissimo anche nelle serate d’estate sul terrazzo.
Già, perché, un altro vantaggio di questi caminetti a bioetanolo (o almeno alcuni modelli) è che si possono spostare ovunque desideri perché sono leggeri e pratici da muovere.
Li puoi traslocare dal soggiorno alla cucina, alla camera da letto, in bagno o, come ho fatto io, in terrazzo per creare un’atmosfera unica durante le cene con gli amici. Ogni volta che desideri.

IL NOSTRO CONSIGLIO: IL CAMINETTO A BIOETANOLO JACOB DI XIONE

In commercio si trovano tantissime varietà di camini a bioetanolo.
Puoi trovare tipologie differenti di biocamini, come caminetti a bioetanolo da terra, caminetti a bioetanolo sospesi da parete, caminetti a bioetanolo da tavolo o caminetti a bioetanolo da incasso.

La scelta è ampissima anche in termini di design: dalle forme più moderne ed essenziali a caminetti a bioetanolo che ricordano un po’ i caminetti più romantici e tradizionali come quello che abbiamo selezionato per voi.
È inutile, non abbiamo saputo resistere a questo caminetto Jabob di Xione che ricorda il classico camino americano!
Si tratta di un caminetto a bioetanolo da terra e lo abbiamo scelto perché ci è sembrato un mix splendido tra modernità ed eleganza.
L’eleganza è data dagli intarsi superiori e laterali che gli conferiscono un aspetto raffinato e ricercato, mentre la modernità è resa dalla combinazione del rivestimento bianco in MDF e la cavità nera in metallo.

Vediamo alcuni dettagli tecnici:

  • Il bruciatore in acciaio inox ha una capienza di 3,5 lt
  • La fibra di vetro (già inclusa) aumenta l’autonomia della combustione dalle 4 alle 6 ore
  • Potenza dichiarata: 4,58 kW/h
  • DIMENSIONI ESTERNE: L110 x P37 x H102 cm
  • Non c’è vetro protettivo

Ovviamente si tratta di un camino a bioetanolo perciò non necessita di canna fumaria né di installazione. Arriva già montato. Si alimenta a bioetanolo, un combustibile ecologico che non rilascia odori né sostanze nocive (fumi o polveri).

Classifica migliori Camino Bioetanolo 2021

Domande frequenti sul caminetto a bioetanolo

✅ Come funzione il caminetto a bioetanolo?

Abbiamo visto che il funzionamento del camino a bioetanolo è basato sulla combustione di un liquido apposta chiamato bioetanolo. Il bioetanolo (combustibile liquido) va inserito all’interno di un serbatoio al cui interno si trova un accendi fiamma che ha il compito di prelevare il bioetanolo. All’interno del serbatoio – spesso ma non sempre – si trova anche la spugna di ceramica (o fibra di ceramica per caminetti a bioetanolo) di cui abbiamo già parlato all’interno di questa guida. Il biocamino, quindi funziona con la combustione del bioetanolo. In questo modo si genera un vero e proprio fuoco che produce calore. Accendere un biocamino è molto semplice: Riempi il serbatoio con il bioetanolo facendo attenzione a non superare il livello massimo a non fare accidentalmente fuoriuscire il liquido. A questo proposito ti consigliamo di utilizzare un piccolo imbuto per agevolare questa operazione di travaso. Asciuga con un panno le eventuali fughe di liquido. Procurati un accendino lungo che ti servirà per innescare la fiamma avvicinandolo al liquido combustibile (il bioetanolo) Aprendo o chiudendo lo sportellino del bruciatore regola la fiamma (e i consumi) secondo le tue esigenze.. [continua >> ]

✅ Quanto costa il bioetanolo?

In commercio esistono diverse tipologie e marche di bioetanolo per biocamini. Per lo più è venduto in flaconi da 1 litro e hanno un prezzo che varia da 2,5 a 4 euro. Una notevole differenza di prezzo dovuta spesso a 2 fattori principali: Qualità della materia prima Scrupolosità e diligenza nel procedimento di fermentazione ed estrazione del bioetanolo che determina la purità del un prodotto finito. Le impurità, visibili anche a occhio nudo, tipiche di un prodotto scadente di primo prezzo sono quelle che potrebbero causare cattivi odori quando si compie la combustione. Per questo ti consigliamo di acquistare prodotti certificati e recensiti, come quello che ti abbiamo consigliato noi in questo giuda dedicata ai caminetti a bioetanolo... [continua >> ]

✅ Come scegliere un camino a bioetanolo?

Non lasciarti guidare solo dal prezzo! Per prima cosa devi capire in quale stanza desideri mettere il tuo camino a bioetanolo e controllare quanti metri quadrati è grande per poter scegliere un caminetto a bioetanolo che abbia una capacità riscaldante adeguata allo spazio. Una volta individuato lo spazio e la potenza che ti serve, decidi quale tipologia di biocamino fa per te e quale dimensione deve avere: lo vuoi a parete, a pavimento o da tavolo? Preferisci un caminetto da incasso o a isola? Infine, controlla bene le prestazioni che la casa produttrice dichiara. Quanto bioetanolo brucia in un’ora? Quanto bioetanolo dovrò acquistare per l’uso che ho in mente?.. [continua >> ]

✅ Si può regolare la temperatura del caminetto a bioetanolo?

No, il caminetto a bioetanolo genera una fiamma viva che può solo essere gestita tramite l’apertura del bruciatore. Puoi, quindi, regolare la fiamma aprendo o chiudendo maggiorente il bruciatore... [continua >> ]



I nostri esperti di Camino Bioetanolo rispondono

Angelica Montagna
Ho un Jacob bioetanolo, da circa un anno. Da subito mi partiva male la fiamma, ad esempio più nella parte sinistra che desta, e sentivo scoppi come se ci fosse "aria" dentro al serbatoio che credo abbia dentro quella "spugna bianca". Lo scorso anno, dopo una ventina di minuti la fiamma era uniforme sia nella parte destra che sinistra. Ieri l ho riacceso per la prima volta, (messo 1 litro e mezzo) ma nella parte sinistra si è acceso bene, nella destra continuava a fare piccole esplosioni, spegnersi... Di fatto poi si è spento da quella parte, poi riattivato ma anche nella destra fuoco scarso. Forse devo mettere tre litri alla volta invece che uno e mezzo? Provare a riempire completamente? Grazie PS altra domanda la scritta MAX del serbatoio io guardando il caminetto la devo vedere come se leggessi un testo normalmente, scritta verso di me, giusto?
Gentile Angelica, in base a quello che mi scrive le consiglierei di cambiare la spugna in ceramica perchè forse ha un difetto. Non è normale che non riesca ad assorbire in modo omogeneo il liquido. A questa pagina può trovare una serie di spugne in ceramica di varie misure che fanno al caso suo. Per quanto riguarda la scritta Max del serbatoio del camino bioetanolo le confermo che può tenerla dal lato che lei mi indica.
Redazione Convenienza.com

Hai dei dubbi su Camino Bioetanolo? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore