fotografare in digitale

Fotografare in digitale: dalla reflex allo smartphone

Grazie alle tecnologie sempre più innovative di cellulari, smartphone e iphone, fotografare in digitale è ormai una vera e propria arte! Ogni giorno cresce il numero di persone che sceglie di acquistare un buon device, capace di scattare e pubblicare foto dalla elevata qualità. Pian piano, dunque, la tecnologia digitale è andata a sostituire gli apparecchi fotografici classici, cambiando regole e scenari del relativo mercato.

Le caratteristiche del comparto fotografico rappresentano un punto chiave nella scelta dello smartphone da acquistare. L’attenzione si concentra subito sulla scheda tecnica, per poter individuare il numero di megapixel della fotocamera, così come l’apertura focale ed altro ancora. In questo modo è possibile assicurarsi non solo un buon apparecchio telefonico, ma anche uno smartphone in grado di fungere da vera e propria macchina fotografica digitale. Come è avvenuto questo passaggio? È interessante seguire l’evoluzione delle tecniche fotografiche, ripercorrendone la storia, fino ad arrivare alla fotografia contemporanea.

Cenni di storia della fotografia

Per ripercorrere le varie tappe di evoluzione e cambiamento, bisogna chiedersi innanzitutto quando nasce la fotografia. Il 19 agosto 1839 è la data in cui l’accademia delle arti di Parigi espone la prima camera oscura. Ben presto arriva l’industrializzazione nel settore e le macchine con il rullino sostituiscono le macchine fotografiche a lastra, intorno al 1890. Fondamentale è poi l’ingresso della Leica 35 mm nel 1925, che rappresenta una vera e propria rivoluzione. Nel 1936 si arriva alla scoperta delle pellicole a colori, adattabili a qualsiasi macchina fotografica. Bisogna poi attendere gli anni Sessanta per l’avvento della prima Reflex: nel 1963 Canon inizia infatti la produzione della prima macchina con le impostazioni di messa a fuoco automatiche. Una decina di anni più tardi, nel 1976, Kodak presenta il primo modello di macchina istantanea, con produzione di livello anche da parte della Polaroid. Ben presto la digitalizzazione prende il sopravvento: si arriva così nel 1991 alla presentazione della prima vera fotocamera digitale da parte di Dycam, subito seguita dai grandi nomi di Kodak e Rollei. Con l’avvento del nuovo millennio, inizia la diffusione e la sempre maggiore innovazione legata alle fotocamere da smartphone.

Diffusione delle foto social

In Europa i primi cellulari dotati di macchina fotografica sono arrivati nel 2002. Da allora si è registrato un incremento costante sia nella qualità delle tecnologie, che nella richiesta da parte della clientela. La mobile photography è oggi una realtà consolidata: gli smartphone vengono utilizzati per scattare e condividere foto sui social network, raccontandosi in un flusso ininterrotto di immagini. Il web ormai ha registrato una vera e propria rivoluzione digitale, cambiando al tempo stesso anche il mondo di intendere le foto e di condividerle in ambiti sempre più globali. Tra le varie conseguenze di questa nuova realtà, anche i meno esperti hanno iniziato a guadagnare con la fotografia. I social sono infatti diventati una sorta di piattaforma commerciabile di promozione. Ecco perché acquistare uno smartphone di buon livello, con un’adeguata fotocamera, può rivelarsi un vero e proprio investimento!

Reflex vs smartphone 

Pur riconoscendo l’immensa popolarità raggiunta dagli smartphone e dalle loro fotocamere, non bisogna dimenticare che la Reflex continua a mantenere un posto di grande rilievo per tutti gli appassionati di fotografia. Il paragone tra smartphone e Reflex non ha molto senso, in quanto la verità è che tutto dipende da ciò che si vuole ottenere, dal risultato finale desiderato. Nelle fotografie di tutti i giorni il cellulare offre grandi vantaggi, legati alla sua maneggevolezza, alla semplicità di utilizzo e all’immediatezza di condivisione, così come di modifiche dell’immagine. Se l’obiettivo finale è quello di raggiungere la migliore qualità, sfruttando al massimo creatività e capacità di scatto, allora il discorso cambia. La Reflex consente il completo controllo di tutte le funzioni della fotocamera, anche in modo manuale. Da non dimenticare infine la disponibilità degli obiettivi, che si possono intercambiare, per utilizzare focali diverse e quindi più specifiche.

In conclusione, quindi, bisogna soffermarsi sulle proprie esigenze: qualora si desideri realizzare bellissime immagini da condividere in tempo reale sui social network o tramite messaggi, allora la scelta di un ottimo smartphone rimane vincente. Se invece si desidera puntare al meglio in termini di immagini più sofisticate e perfettamente realizzate, le foto con la Reflex sono la risposta giusta.

Hai dei dubbi su Fotografare in digitale: dalla reflex allo smartphone? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore