Rimedi e consigli per eliminare la muffa dai muri

Forse hai notato delle brutte macchie di muffa sulle pareti di casa o vicino alle finestre e ti stai chiedendo quali siano le cause e come puoi eliminarle. Se cerchi una soluzione per trattare con rimedi fai da te questo problema sei nel posto giusto.

Abbiamo preparato un articolo ricco di accorgimenti da mettere subito in atto per prevenire la comparsa della muffa e una lista di rimedi (chimici e naturali) per trattare e rimuovere la muffa già esistente dalle tue pareti. Ti spiegheremo come valutare la gravità della situazione e cosa fare concretamente per risolvere il problema.

Cos’è la muffa

La muffa è un insieme di spore e batteri che, nutrendosi dell’intonaco, possono creare delle vere e proprie colonie sui muri di casa. Alla vista la muffa appare come un insieme di piccoli puntini neri. Se non viene trattata si trasforma in ampie macchie scure (dal verdognolo al nero) capaci anche di sgretolare le pareti, negli stadi più avanzati.

Perché compare la muffa sui muri

La muffa è causata generalmente dalla poca areazione e la conseguente formazione della condensa. La condensa si forma quando c’è una differenza di temperatura tra due ambienti, come tra interno ed esterno. Le gocce di condensa, spesso assorbite dalle pareti, sono la condizione ideale per la nascita della muffa.

Generalmente la muffa compare in ambienti che hanno queste caratteristiche:

  • abitazioni con isolamento termico assente: la mancanza di coibentazione dei muri e delle componenti della casa favorisce la differenza di temperatura tra esterno e interno e quindi la comparsa della muffa;
  • infiltrazioni d’acqua provenienti da tetti, terrazzi, balconi o piccole crepe;
  • poca aerazione. Aprire di rado le finestre, mettere i panni bagnati ad asciugare in una stanza, avere molte piante o avere in casa un acquario sono tutte possibili cause dell’umidità;
  • errato uso del riscaldamento e della ventilazione.

Un’altra causa della muffa è dovuta all’umidità di risalita. Per riconoscere questo fenomeno valuta la presenza o meno di alcuni indicatori come la grandezza e l’uniformità della macchia, la sua altezza e la resistenza della pittura. Se la zona in cui compare la muffa è nella parte bassa del muro e a quella altezza la pittura ha cominciato a sgretolarsi probabilmente si tratta proprio di umidità di risalita.

Rischi per la salute

Diversi studi dimostrano che l’esposizione alle spore della muffa e ad altri funghi è gravemente dannosa per la salute. Il report del Ministero della Salute mostra chiaramente un’interconnessione tra la presenza della muffa e la comparsa di difficoltà respiratorie. Tosse, raffreddore, congiuntivite, asma, dermatiti cutanee, vertigini e mal di testa sono solo alcune delle possibili conseguenze che rischia chi vive in un ambiente umido e con la presenza di muffa.

Dove compare la muffa e come eliminarla

Generalmente le macchie di muffa compaiono nelle zone più umide della casa quindi sugli angoli del soffitto o dove la condensa ristagna quindi in bagno, in lavanderia o in camera da letto. Se invece, come abbiamo visto, il tuo problema è l’umidità di risalita la zona più colpita sarà la parte bassa dei muri, in particolare in corrispondenza di pareti esposte all’esterno senza una buona coibentazione.

Muffa in cucina

Il vapore prodotto dalle pentole, la presenza del frigorifero e il poco ricircolo d’aria possono causare la muffa in cucina con facilità. Per risolvere questo problema individua le zone più colpite dall’umidità e adotta alcuni rimedi per eliminarla definitivamente.

Ecco alcuni accorgimenti che puoi attuare:

Accendere l’aspiratore della cappa mentre si cucina

Non sempre si accende l’aspiratore mentre si prepara da mangiare e quando lo si fa è generalmente per aspirare l’odore forte dei cibi. Invece bisognerebbe sempre ricordarsi di metterlo in funzione per mandare via il vapore prodotto mentre si cucina.

Asciugare bene le superfici umide e bagnate

Quante volte laviamo i piatti e gli schizzi d’acqua finiscono oltre il lavello? Se non asciugate subito possono diventare delle infiltrazioni che causeranno presto delle macchie di muffa. Ricordati di mettere un panno attorno al lavandino mentre lavi i piatti e di asciugare bene intorno al lavello una volta finito.

Evitare di lasciare in ammollo le stoviglie

Tutti lo facciamo: riempiamo di acqua il lavandino o una ciotola e nel corso della giornata ci mettiamo tutto quello che abbiamo usato per pulirlo più facilmente dopo. Se la tua casa è particolarmente umida però la presenza costante di acqua nel lavello potrebbe aumentare l’umidità in cucina.

Pulire i secchi dell’immondizia e chiudere i sacchetti

Spesso non ci pensiamo ma anche ciò che buttiamo può contribuire alla presenza della muffa nella cucina. Cambia i sacchetti dell’umido frequentemente e pulisci accuratamente il contenitore prima di un nuovo utilizzo.

Tappetini salvafreschezza in frigorifero

Se hai la muffa nel frigorifero prova a usare dei tappetini salvafreschezza da inserire sotto gli alimenti. Permetterà all’aria di circolare al di sotto dei cibi rimuovendo l’umidità e lasciando il tuo frigo più pulito. Generalmente questo tipo di tappetini sono comodi perché possono essere tagliati a misura del ripiano.

Muffa in bagno

La muffa in bagno compare perfino negli ambienti meno umidi perché la costante presenza del vapore, gli asciugamani umidi e l’eccessivo riscaldamento di questa zona della casa fanno comparire facilmente la condensa che causa la comparsa della muffa.

Per prevenire la muffa in bagno ci sono alcuni piccoli suggerimenti che puoi seguire:

Arieggiare il bagno con frequenza

Apri regolarmente la finestra del bagno, soprattutto dopo la doccia. Aspetta 10-15 minuti prima di chiudere di nuovo. Arieggia questa stanza più volte nell’arco della giornata perché l’umidità è causata anche dalla presenza di asciugamani umidi in bagno.

Asciugare la doccia dopo l’uso

Asciugare la doccia o la vasca dopo l’uso non è solo un accorgimento utile per mantenere meglio i sanitari ma anche un rimedio efficace contro la comparsa dell’umidità. La muffa infatti si forma generalmente sul soffitto sopra la doccia o la vasca o sui bordi.

Usare pitture adatte

Anche se non abiti in una casa umida usa sempre per il bagno delle pitture adatte a contrastare l’umidità. Le pitture a calce, per esempio, assorbono l’umidità prodotta dai vapori e impediscono la formazione della muffa.

MaxMeyer Pittura per interni Termica Thermo Active BIANCO 10 L

MaxMeyer Pittura per interni Termica Thermo Active BIANCO 10 L
MAXMEYER 164812L010001: trova informazioni tecniche, scheda dettagliata e l'elenco completo delle caratteristiche MaxMeyer Pittura per interni Termica Thermo Active BIANCO 10 L, realizzato da MAXMEYER.
Prezzo:74,90 

Caratteristiche Principali:

  • Anticondensa
  • Termoisolante
  • Antimuffa

MaxMeyer Pittura per interni antimuffa Bioactive BIANCO 1 L

MaxMeyer Pittura per interni antimuffa Bioactive BIANCO 1 L
MAXMEYER 164954E010001: trova informazioni tecniche, scheda dettagliata e l'elenco completo delle caratteristiche MaxMeyer Pittura per interni antimuffa Bioactive BIANCO 1 L, realizzato da MAXMEYER.
Prezzo:15,99 

Caratteristiche Principali:

  • Pronta all'uso
  • Antimuffa
  • Risanante
  • Inodore

Pittura Antimuffa 750Ml Saratoga

Pittura Antimuffa 750Ml Saratoga
SARATOGA trova informazioni tecniche, scheda dettagliata e l'elenco completo delle caratteristiche Pittura Antimuffa 750Ml Saratoga, realizzato da SARATOGA.
Prezzo:9,80 

Sostituire con regolarità le fughe in silicone

La muffa generalmente compare in maniera più aggressiva proprio sulle fughe in silicone. Se pulirle con qualche prodotto antimuffa non è più sufficiente, rimuovile con un taglierino e sostituiscile con un nuovo strato di silicone.

Umidità in camera da letto

Se la parete della camera da letto è esposta a nord, la stanza potrebbe essere sempre umida. L’umidità nel luogo in cui dormi può essere combattuta con questi accorgimenti:

Arieggiare con frequenza

Apri regolarmente la finestra della camera da letto e lasciala aperta per 10-15 minuti aprendo anche le ante degli armadi e i cassetti in modo da dare una bella rinfrescata;

Spostare le piante in un’altra stanza

Se la camera è molto umida evita di lasciare le piante in questa stanza. Il terreno umido e l’acqua nel vaso potrebbe provocare la nascita di muffa nera;

Dopo la pulizia asciuga bene le superfici

Quando pulisci la stanza ricordati di asciugare bene le superfici, in questo modo nessuno dei mobili rimarrà umido e ridurrai la probabilità che nella stanza si sviluppi la muffa;

Scaldasonno nel letto

Se la cosa che ti dà più fastidio è sentire le lenzuola umide quando ti metti a letto usa uno scaldasonno, il calore asciugherà il tessuto e avrai una piacevole sensazione mettendoti sotto le coperte.

Umidità nell’armadio

Se il problema di umidità ha colpito anche il tuo armadio corri ai ripari con questi accorgimenti:

Arieggiare frequentemente l’armadio

Quando cambi l’aria della stanza apri anche tutte le ante dell’armadio e i cassetti. Lascia la finestra aperta per 10-15 minuti;

Mettere nell’armadio solo gli abiti asciutti

Per la fretta o per disattenzione a tutti capita di mettere gli abiti ancora umidi nell’armadio. Se però è questa la zona più problematica della tua casa evita di mettere a posto capi non completamente asciutti altrimenti avranno un cattivo odore e causeranno la comparsa di muffa;

Dopo la pulizia asciugare bene i ripiani e le superfici

Dopo aver pulito e igienizzato l’armadio ricordati di passare anche un altro straccio asciutto per asciugare bene i ripiani, in questo modo eviterai di causare nuova umidità in questo spazio;

Sacchetti deumidificatori

Se i tuoi abiti hanno un odore sgradevole dato dall’umidità prova a utilizzare i sacchetti deumidificatori. Convertono l’umidità in eccesso in acqua grazie al gel in silicio e restituiscono all’armadio e agli abiti un fresco odore di lavanda.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 XAXAZON 10 Pack da 500ml di Deumidificatori per armadietti, Armadi, Sacchetti per Deumidificatori Appesi a prova di Muffa, Cucina, Deumidificatore Bagno, Antiumidità Casa
XAXAZON

22,99


2 MY TO Sacchetti Assorbi Umidità Armadio - Deumidificatore Armadio Contro Muffa causata da Umidità e Cattivi Odori - Antimuffa per Armadio Casa Camper Barca Bagno Stanza Auto - MAXI PACK 235 Gr
MY TO

31,99


3 Sacchetti deumidificatori da appendere per casa, armadio, cantina, deodorante per ambienti per sbarazzarsi di umidità umida nella scarpa, camera da letto, cucina, assorbimento dell'umidità (10pezzi)
QILERUI

25,99


Come valutare lo stato dell’umidità

Profondità della muffa

Per capire come trattare la muffa ed eliminarla definitivamente devi valutare prima di tutto quanto è profonda la sua insinuazione nella parete. Se la muffa è sullo strato superficiale ti basterà rimuoverla con la candeggina o dei prodotti appositi, come vedremo nel paragrafo dedicato, e imparare a prevenirla per evitare che si riformi.

Se invece le spore della muffa sono ormai in profondità, potrebbe servire l’intervento di professionisti che dovranno rimuoverla per evitare una nuova formazione.

Per capire lo stato della parete prova con dei rimedi fai da te e valuta la gravità della situazione.

Estensione della muffa

Per rimuovere la muffa dalle pareti devi valutare la sua estensione. Per trattarla in maniera efficace cerca di prendere la muffa in tempo, quando è ancora una macchia circoscritta. Se la zona da trattare è molto estesa potrebbe essere difficile togliere le spore con dei rimedi fai da te.

Rimedi veloci e fai da te contro la muffa

Per trattare la muffa e rimuoverla definitivamente dalla tua casa ci sono una serie di cose che puoi fare:

Usare l’idrometro

Per tenere sotto controllo l’umidità della casa usa un idrometro. Questo strumento sarà prezioso per misurare la percentuale di umidità presente nelle stanze.

Usare sulle pareti un prodotto antimuffa

Sul mercato ci sono tantissimi prodotti per rimuovere la muffa nera dalle pareti, non dovrai far altro che spruzzare il composto sulla macchia, aspettare per il tempo indicato sulla confezione, lavare la parete e asciugarla.

N. Foto Prodotto Sconto Prezzo
1 Camp RIMUOVI MUFFA, Antimuffa igienizzante professionale, Elimina rapidamente muffe, funghi, muschi e alghe, 750ml
CAMP

15,90


2 Camp RIMUOVI MUFFA, Antimuffa igienizzante professionale, Elimina rapidamente muffe, funghi, muschi e alghe, 300ml
CAMP

10,60


3 Ariasana Smuffer L' antimuffa Igienizzante, Rimuovi muffa spray contro funghi, alghe e muschi, Anti muffa bagno, cantina e cucina, per interni ed esterni, 1x250ml+50% GRATIS
Ariasana

6,99


Scegliere dei sacchetti deumidificatori per l’armadio

Se il tuo problema più grande è indossare gli abiti e sentire un fastidioso odore di umidità puoi provare a utilizzare i sacchetti deumidificatori. Sono delle bustine da appendere nell’armadio, tra i vestiti, che raccolgono l’umidità grazie al gel di silicio che la trasforma in acqua.

Usare delle vernici adatte

Se abiti in una casa umida o se devi pitturare il bagno, la cucina o delle zone tendenzialmente umide della tua casa scegli delle pitture adatte. Sul mercato ne esistono di tantissimi tipi: sia quella in calce, pensate per assorbire l’umidità delle pareti che dei kit completi per trattare a fondo la muffa e prevenirne la ricomparsa;

Comprare un deumidificatore per ambienti

Se la casa è particolarmente umida valuta di acquistare un deumidificatore per assorbire la condensa e prevenire la formazione della muffa.

Se ti stai chiedendo come scegliere il miglior deumidificatore per la tua casa dai un’occhiata alla guida che abbiamo scritto per te. Ti aiuterà a capire quali sono le caratteristiche importanti di cui tener conto e a scegliere il prodotto migliore per te e per le tue esigenze.

Se sei alla ricerca di una soluzione meno costosa dai un’occhiata ai deumidificatori a base di cristalli.

Come pulire la muffa e quali prodotti usare

Dopo aver visto gli accorgimenti che puoi attuare per rimuovere definitivamente la muffa dalla tua casa, dovrai trattare le macchie nere sulle pareti. Per farlo puoi usare dei prodotti già pronti come degli antimuffa professionali o la candeggina Ace.

In generale, che tu scelga di preparare un antimuffa fai da te o comprare un prodotto già pronto, segui questi passaggi:

  • versa il prodotto in un recipiente fondo o in uno spray;
  • spruzza con lo spray il composto o, se il liquido preparato è in un recipiente, stendilo con un pennello o una spugna sul muro e lascialo agire per una decina di minuti;
  • prepara una bacinella con dell’acqua pulita e, dopo aver immerso una spugna, tampona la parete per lavarla completamente;
  • asciuga bene la parete con il phon o lasciando a lungo la finestra aperta.

Rimedi naturali contro la muffa

Sei in cerca di rimedi più naturali?

Mix di acqua ossigenata, sale fino e bicarbonato

Sciogli in 700 ml di acqua 2 cucchiai di acqua ossigenata, 2 cucchiai di sale fino e 2 bicarbonato. Versa il liquido in uno spruzzino o in un contenitore. Puoi usare un pennello o una spugna per trattare la zona. Una volta tamponata tutta la superficie asciugala bene con il phon per evitare di generare nuova umidità.

Tea tree oil

Sciogli in 500 ml di acqua 2 cucchiai di sale o bicarbonato e 20 gocce di tea tree oil. Metti il composto in uno spruzzino e spruzzalo sulla parete. Lascialo agire per qualche minuto e poi tamponalo con una spugna immersa in acqua pulita.

Aceto di vino bianco

Diluisci 2-3 tazze di aceto di vino bianco in un litro e mezzo di acqua calda. Immergi una spugnetta nella soluzione e poi tampona vigorosamente la zona da trattare. Ripeti l’operazione finché la macchia non sarà scomparsa, poi riempi una bacinella di acqua calda e, sempre con l’uso di una spugna, lava la parete. Alle fine ricorda di asciugare bene con il phon o lasciando a lungo la finestra aperta.

3 errori da non fare mentre si elimina la muffa

Ora che ci siamo concentrati sui rimedi e sugli accorgimenti da attuare per rimuovere in modo definitivo la muffa dalle pareti, vediamo anche quali sono gli errori da non fare quando si fanno trattamenti antimuffa.

Non asciugare il muro dopo averlo lavato

In questo articolo abbiamo scoperto che esistono tantissimi modi, più o meno naturali, per trattare la muffa. Dopo aver passato la soluzione sul muro però è altrettanto importante far asciugare bene la parete. Se si salta questo passaggio non si rischia solo di vanificare quanto fatto ma anche di peggiorare la situazione esistente;

Verniciare direttamente sullo strato di muffa

Passare uno strato di vernice direttamente sulla muffa non migliorerà il problema, anzi rischierà di peggiorarlo. Per eliminare definitivamente le spore e i batteri della muffa bisogna trattare la parete adeguatamente e poi, in un secondo momento, pitturare con delle vernici specifiche adatte a case umide;

Grattare la muffa con la carta vetrata

Può sembrare una buona idea ma grattare a secco la parete può diffondere le spore nell’aria e in altre stanze aggravando il problema.

Hai dei dubbi su Rimedi e consigli per eliminare la muffa dai muri? Fai una domanda!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore