come usare il ferro arriccia capelli

Come usare il ferro arriccia capelli per ricci perfetti

A noi donne piace molto variare il proprio look ed essere sempre diverse, magari sfoggiando un vestito nuovo o uno smalto di un colore particolare. Con i capelli, poi, possiamo sbizzarrirci in svariati modi, variando la lunghezza e la pettinatura e creando acconciature e pieghe sempre diverse. Potrebbe piacerci, ad esempio, regalare alla nostra chioma un aspetto più vivace e sbarazzino creando dei ricci perfetti, con il ferro arriccia capelli.

Ci sono diversi metodi fai da te per ottenere dei ricci perfetti o dei boccoli a seconda delle nostre preferenze. Esiste anche uno strumento concepito appositamente per arricciare i capelli, ovvero il pratico arricciacapelli.

Il modello di arricciacapelli più comune è il ferro a molla, costituito da un rullo metallico preriscaldato su cui avvolgere i capelli e attendere che il calore fissi la piega. Ultimamente, è invece molto pubblicizzato sul web un particolare ferro automatico che si avvolge rapidamente su se stesso per creare istantaneamente un riccio da una ciocca di capelli.

In commercio esistono arricciacapelli di diversi formati e dimensioni, e si può variare la dimensione del rullo – dal diametro più fino a quello più largo – per variare l’ampiezza del riccio. La scelta di questi strumenti dipende chiaramente dalle nostre esigenze e preferenze.

Come si usa il ferro arricciacapelli

È consigliabile arricciare i capelli il giorno dopo averli lavati, in modo che il capello non sia troppo fresco e possa quindi mantenere la piega più a lungo. Comunque sia, anche se dovessi farti i ricci subito dopo il lavaggio, assicurati che almeno siano perfettamente asciutti e proteggili con un apposito spray. Metti quindi a scaldare il ferro e intanto spazzola bene i capelli, districa i nodi e dividili in più sezioni con un pettine. Quando la spia del ferro si spegnerà, significa che l’arricciacapelli avrà raggiunto la temperatura giusta e sarà pronto per l’uso.

Inizia ad arricciare i capelli partendo dalle ciocche posteriori, arrotolandole una alla volta al ferro dalla radice alla punta, facendo in modo che siano ben tirati. Attendi dai cinque ai dieci secondi (non di più o rischierai di bruciare i capelli), quindi lascia la ciocca che resterà avvitata su se stessa! Ripeti quindi  il procedimento su tutte le sezioni create in precedenza. Una volta finito potete spruzzare della lacca sulla capigliatura così arricciata, operazione che è meglio fare a testa in giù muovendo i riccioli per dare un effetto più naturale.

Ci sono capelli e capelli

Quello appena descritto è il procedimento base, che ovviamente varierà un po’ a seconda del tipo di capello che hai. Ad esempio, se i tuoi capelli sono lunghi dovresti realizzare l’arricciatura in due volte: prima sulle parti più basse delle ciocche e poi più verso le radici, questo per non rischiare di surriscaldare troppo il capello.

Affinché il capello regga di più puoi usare una mousse per lo styling, o un definitore di ricci se miri ad avere dei boccoli più morbidi.

Se hai i capelli corti dovresti trovarti meglio con un ferro di diametro non superiore ai 25 mm – con dimensioni superiori rischieresti di non riuscire ad avvolgere tutti i capelli. Questo diametro comunque può essere utilizzato anche da chi ha capelli più lunghi per ottenere ricci più fitti.

Con i capelli corti è inoltre consigliabile non arricciare le punte per lasciare un senso di lunghezza.

Fare attenzione a…

Come già detto, prima di creare dei ricci bisogna sempre preparare i capelli per evitare di danneggiarli e bruciarli. A tal proposito, bisogna usare sempre uno spray protettivo.

Bisogna, inoltre, stare attente a scegliere la misura più giusta per il proprio tipo di capello, come abbiamo accennato in precedenza.

Quando si separano i capelli in sezioni, bisogna stare attente a non creare ciocche troppo spesse, perché rischieresti di non distribuire bene il calore su tutti i capelli.

Per un look naturale il verso migliore in cui arrotolare i capelli è all’indietro su entrambi i lati. Tieni il ferro arriccia capelli “a testa in giù” per dare volume e durevolezza, e avvolgi la ciocca sulla parte calda procedendo dalla radice alla punta.

Attenzione a non tenere i capelli avvolti sul ferro per più di dieci secondi, o si bruceranno. Basterebbero in realtà cinque secondi per fissare la piega. Dopo aver finito comunque è utile spruzzare della lacca a fissaggio medio per mantenere l’effetto.

Aspetta, inoltre, che i capelli si raffreddino prima di toccarli di nuovo.

Ricci, boccoli e onde

I ricci perfetti per eccellenza si ottengono con gli arricciacapelli di diametro molto stretto (13-19 mm); per ottenere invece dei ricci meno stretti, quasi boccolosi, si raccomandano i ferri del diametro di 20-25 mm.

I capelli lunghi, essendo più pesanti, potrebbero scendere un po’ qualche tempo dopo aver fatto la piega e ottenere un effetto “beach waves”, ovvero creare delle onde. Sui capelli più lunghi è anche possibile utilizzare il ferro solo sulla parte mediana o sulle punte dei capelli per avere un look più vario e per movimentare dolcemente il capello liscio.

Per un effetto più morbido e appena accennato si possono usare i ferri da 30 mm o più. Questi diametri non sono molto indicati per chi ha i capelli corti, a meno che non voglia solo dare un effetto volumizzante alle tue brevi chiome.

Di soluzioni per arricciare i capelli ce ne sono veramente per tutti i gusti e le esigenze. Bisogna solamente prenderci un po’ la mano e divertirsi a sperimentare nuove pieghe ed acconciature!

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore