come fare formaggio raclette

Formaggio raclette: come farlo a casa, ricette e consigli

Una cena leggera e allo stesso tempo sfiziosa, possibilmente arricchita dalla presenza dei propri cari in una fredda serata d’inverno. Protagonista della serata indubbiamente lei: la raclette.

Con questo termine generalmente si indica una ricetta a base di formaggio fuso (il raclette appunto), da accompagnare con patate al cartoccio, verdure e salumi a propria scelta. Questa ricetta ha origini antiche, in quanto se ne trova traccia già in alcuni scritti risalenti al Medioevo, nei quali era descritta come un pasto molto nutriente e gustoso consumato dagli abitanti delle montagne svizzere.

Questo pasto veniva spesso consumato dai pastori durante la transumanza, quando questi erano soliti portare con sé alcune forme di questo formaggio. Le forme venivano tagliate a metà e si faceva fondere sul fuoco la parte interna, che veniva poi raschiata con un coltello e spalmata su fette di pane. Il termine “raclette” deriva proprio dal francese “racler”, che significa “raschiare”. Nello specifico, come abbiamo visto, più che una vera e propria ricetta, la raclette è dunque una procedura con cui consumare l’omonimo formaggio da cui essa prende il nome.

Formaggio Raclette: cos’è e come viene consumato oggi

Il raclette è un particolare formaggio a pasta semidura tipico del Canton Vallese, in Svizzera. Questo è preparato con latte vaccino (comune latte per usi alimentari) a pasta salata e viene poi fatto stagionare per 2 o 3 mesi. Il formaggio raclette può essere anche aromatizzato con pepe nero, erbe aromatiche e addirittura vino bianco. La Svizzera non è l’unico posto in cui si produce il raclette, che viene regolarmente realizzato anche in Australia, Canada e nella vicina Francia.

Questo formaggio, ha dato il nome all’omonima ricetta, la Raclette, che oggi viene spesso consumata in casa con l’ausilio di una macchina per raclette (o raclette grill), che ne rende molto facile ed immediata la preparazione.

Questo semplice elettrodomestico è strutturato su due livelli: nella parte bassa troviamo diversi padellini (o palette) di forma triangolare, mentre nella parte alta abbiamo una piastra elettrica dove possiamo grigliare qualsiasi alimento. Il calore sprigionato dalla piastra, grazie alla particolare struttura della raclette elettrica, viene emanato anche nella parte inferiore. In questo modo il formaggio presente nei padellini inizia a fondere ed è pronto per essere consumato.

Senza dubbio una alternativa molto più pratica e più sicura rispetto al fuoco di un camino usato dagli antichi pastori, specie in presenza di un numero elevato di commensali.

Come fare la raclette in casa

Ingredienti (4 persone)

  • 800 g di formaggio per raclette (a fette o a cubetti)
  • 8 fette di pancetta
  • 8 fette di salame
  • 8 fette di prosciutto crudo
  • 8 fette di pane
  • 200 g di funghi champignon
  • Verdure varie (zucchine, broccoli, cavolfiore ecc)
  • Peperoni
  • Cetriolini sottaceto q.b.
  • Cipolline sottaceto q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio q.b.

Le dosi indicate possono essere soggette a cambiamenti: a seconda dei gusti dei commensali possono infatti essere usati alcuni ingredienti in quantità molto maggiori rispetto ad altri. Alcuni salumi non presenti nella lista possono essere aggiunti (ad es. mortadella o speck) e altri tolti, così come per gli altri alimenti di contorno. È pero importante la quantità di formaggio indicata: la dose minima per persona non deve essere inferiore a 200 grammi.

Preparazione

Prima di accendere la raclettiera e dare così il via al pasto vero e proprio, ci sono alcune operazioni preliminari da fare per predisporre al meglio i contorni che accompagneranno il formaggio fuso.

Il contorno più importante e sostanzioso per la raclette è costituito dalle patate: queste vanno fatte al cartoccio ben prima dell’accensione del raclette grill in modo che siano già pronte da accompagnare all’ingrediente principale (il formaggio) appena fuso. Per prima cosa bisogna dunque lavare le patate e avvolgerle singolarmente nella carta stagnola. Dopo di che, queste vanno cotte in forno preriscaldato a 200°C per circa 45 minuti.

Una volta iniziata la cottura delle patate, è bene disporre gli altri contorni in vari recipienti, in modo che siano facilmente raggiungibili sulla tavola da ogni commensale. Ti occorreranno dunque diversi vassoi o ciotole, dove sistemare salumi, verdure, funghi, sottaceti e il pane.

Ultimata la cottura delle patate, queste devono poi essere tagliate a metà e insaporite con olio e sale. Completata questa operazione e disposte anche le patate in un piatto da portata, non resta che portarle in tavola insieme agli altri contorni.

È finalmente arrivato il momento di accendere la macchinetta per raclette elettrica, che è bene disporre al centro del tavolo in modo che ciascuno sia comodo nel preparare la propria cena.

Il formaggio raclette, tagliato a cubetti o a fette, va inserito nelle apposite palettine e adagiato nella parte inferiore del macchinario. Nella parte superiore invece verranno grigliati o semplicemente scaldati i contorni che ognuno sceglie in base ai suoi gusti personali: verdure varie, funghi, fette di pane, patate ecc.

Una volta che il formaggio si sarà fuso va consumato subito versandolo nel proprio piatto sulle patate e su tutti gli altri contorni precedentemente scelti per accompagnarlo.

Diverse varianti per un’unica ricetta

Come abbiamo visto, la raclette è una ricetta che si presta a diverse varianti. Data per irrinunciabile la presenza dell’omonimo formaggio (anche se possono essere accettate versioni con fontina ed Asiago), il resto degli ingredienti può essere cambiato.

Chi preferisce la carne ai salumi, può ad esempio accompagnare il formaggio fuso a dadini di pollo o wurstel. Non ci sono ricette predefinite, ma molto dipende dai gusti dei commensali, che possono sbizzarrirsi ad abbinare il formaggio ai più disparati ingredienti. Un abbinamento spesso vincente è quello con spiedini di carne o di verdura da intingere direttamente nel formaggio fuso.

Per accompagnare la raclette, la tradizione impone di bere del vino bianco oppure bevande rigorosamente calde come latte o . In ogni caso è consigliabile non bere acqua, in quanto ostacola la digestione del formaggio.

Conclusione

La Raclette, nelle sue infinite varianti, è senza dubbio un piatto sfizioso e non impegnativo da preparare. Può essere un pasto veloce e leggero o molto sostanzioso, a seconda delle quantità di formaggio e contorni utilizzati. Riunire i propri familiari o amici intorno alla macchina per raclette è un modo simpatico e divertente per stupire i propri ospiti a tavola, con una cena diversa dal solito e allo stesso tempo gustosa.

Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore